Museo del design, Barcellona

Il Museu del Disseny

Scrivi un commento per primo / di Alessandra Sanna / aggiornato: 10 Ottobre 2017

38 Condivisioni

Il Museu del Disseny di Barcellona si occupa delle arti relazionate all’oggetto e alla progettazione. Inaugurato nel 2014, è il frutto dell’integrazione delle collezioni di 3 musei preesistenti: il Museo delle Arti Decorative, il Museo della Ceramica e il Gabinetto di arti grafiche. Il denominatore comune di tutte le collezioni è l’oggetto, e tutto ciò che ha significato in passato o nel presente: dalla sua concezione, creazione e produzione, fino al suo uso, relazionato al tempo e alla società, dal periodo artigianale e preindustriale fino all’epoca industriale e digitale.

Il museo conserva un fondo di 70.000 oggetti classificati tradizionalmente nelle arti decorative o arti applicate, dal IV secolo a.C. fino all’attualità, con collezioni uniche di risonanza internazionale, come ad esempio quella sui tessuti medievali, il vetro catalano smaltato del XVI secolo o la ceramica di Alcora. Il museo è ospitato nell’edificio Disseny HUB Barcelona di Plaça de Les Glòries, chiamato ufficiosamente la grapadora (la spillatrice), opera architettonica progettata espressamente per ospitare ed esporre le numerosi collezioni del fondo museale. Il museo non espone il proprio fondo in maniera classica, ma organizza i propri spazi in 4 esposizioni permanenti, cambiandole periodicamente nel medio periodo.

Casa Museo de la Casa Bloc, Vivienda 1/11

Il museo gestisce le visite guidate alla Casa Museo de la Casa Bloc, Vivienda 1/11, simbolo dell’architettura razionalista barcellonese degli anni ‘30 del XX secolo. La casa fa parte di un progetto dell’epoca volto a migliorare le condizioni di vita degli operai, ma lo scoppio della guerra civile spagnola impedì lo sviluppo di altri progetti in tale senso. L’interno della casa contiene gli arredamenti originali, parte dello stesso progetto. È possibile vedere la casa partecipando ad una visita guidata, ma è necessario prenotare in anticipo.

Esposizioni permanenti

Esposizione permanente- Il corpo vestito
Esposizione permanente- Il corpo vestito
Il corpo vestito. Forme e moda (1550 – 2015). Fin dall’antichità gli umani hanno alterato la forma e l’apparenza del proprio corpo con la pettinatura, gioielli, tatuaggi e, soprattutto, con i vestiti. Le differenti maniere di vestirci hanno a che vedere con i codici morali, sociali ed estetici di ogni epoca. La moda impone canoni di bellezza e le forme e i volumi si modificano: la naturalezza lascia il passo all’artificio. Il vestito cambia le proporzioni e modifica la relazione della persona rispetto allo spazio e agli altri individui.

¡Extraordinarias! Collezioni di arti decorative e artigianato d’autore (III – XX secolo). Questa esposizione propone un percorso cronologico, dal III fino al XX secolo, fra le distinte collezioni, conservate nel museo, di ceramica, tessuti, mobilia, vetri, miniature, orologi, carta dipinta e altri oggetti, per un totale di 1200 oggetti. La disposizione consente di poter apprezzare il valore delle collezioni e allo stesso tempo stabilire relazioni distinte fra di esse. Nella parte riguardante il primo terzo del XX secolo, nell’esposizione s’introduce l’artigianato d’autore, come vetro, ceramica, smalto e gioielleria, prodotte prevalentemente da artisti catalani.

Il disegno grafico, da mestiere a professione (1940 – 1980). Da alcuni anni il Museo del Disseny si è proposto di riunire una collezione significativa dalla fine del XIX secolo fino all’attualità, per poter percorrere la storia del disegno grafico attraverso la propria collezione. Questa prima esposizione è dedicata a quella generazione di cartellonisti, o disegnatori pubblicitari, che alla fine della guerra civile diedero l’impulso verso la professionalizzazione del loro mestiere, seguendo un’evoluzione simile ad altri paesi europei.

Dal mondo al museo. Disegno del prodotto, patrimonio culturale. In quasi tutto ciò che facciamo durante il giorno utilizziamo uno o più oggetti. Per sederci usiamo una sedia, per lavare le robe una lavatrice, per vedere accendiamo una luce… Oggetti dal design e dalle funzioni molteplici, che ci hanno accompagnato durante tutta la vita e che ci mostrano come man mano che cambia il mondo cambia anche ciò che viene fatto dagli oggetti. Perché allora alcuni oggetti determinati e non altri passano a far parte della collezione del museo? Ognuno dei pezzi esposti sono considerati un esempio rappresentativo del design del suo tempo, delle diverse innovazioni tecniche e materiali proposte dai suoi autori, così come della sua risonanza socioculturale.

Esposizioni temporanee

De Obra. Ceramica applicata all’architettura (15 settembre 2016 – 29 gennaio 2017): l’esposizione mostra una selezione di 300 pezzi di ceramiche applicate all’architettura dall’antichità fino ai giorni nostri, provenienti da numerosi musei europei e dalla collezione del Museo.

Tapas. Spanish Design for Food (8 marzo 2017 – 21 maggio 2017): l’esposizione Tapas presenta una selezione di progetti spagnoli destinati al mondo del cibo. Una breve introduzione storica relaziona la storia del mangiare con il mondo dell’arte, della fotografia e del cinema, spiegando l’origine della tapa, questo singolare modo di condividere il cibo tipicamente spagnolo.

David Bowie Is (25 maggio – settembre 2017): la mostra, direttamente proveniente dal Victoria and Albert Museum di Londra, ha già ricevuto più di un milione di visitatori in varie città, come Berlino, Parigi e Chicago. La dimensione multidisciplinare del lavoro di Bowie mostra perfettamente le connessioni fra arte e design, specialmente nel terreno del disegno grafico e della moda. Bowie Is è la retrospettiva definitiva sul cantante inglese, in cui lo stesso Bowie partecipò alla realizzazione.

Informazioni utili

Come arrivare al Museu del Disseny

Il Museu del Disseny si trova in Plaça de les Glòries Catalanes, 37-38. Si può arrivare facilmente dalla fermata della metro lì vicina, Glòries, sulla linea 1. Glòries è anche la sede del mercatino dels Encants, uno dei più grandi e caratteristici mercatini di seconda mano di Barcellona; il mercato viene tenuto tutti i giorni, per cui è facile fare un salto, basta in pratica attraversare la piazza. Il Museu del Disseny non è servito al momento dal Bus Turístic: la fermata più vicina è quella della Sagrada Familia (linea azzurra), a circa 1 km di distanza.

Orari

Il Museu del Disseny apre dal martedì alla domenica, dalle 10:00 fino alle 20:00. Rimane chiuso i lunedì non festivi, il primo gennaio, il primo maggio, il 24 giugno e il 25 dicembre. La visita alla Casa Bloc è possibile dal martedì al venerdì, dalle 10:00 alle 13:00 e il giovedì dalle 15:00 alle 17:30, ad esclusione dei mesi di luglio, agosto e settembre.

Biglietti

Il prezzo del biglietto intero per le collezioni permanenti costa 6 €, mentre il biglietto ridotto costa 4 €. L’ingresso alle mostre temporanee è di 4 €, se ridotto invece 3,30 €. L’ingresso combinato costa 8 € se a tariffa intera, mentre è di 5,50 € se ridotta. Possono entrare con l’ingresso ridotto i giovani compresi tra i 16 e i 29 anni, i maggiori di 65 anni e i possessori del carnet di sconti del Bus Turístic. L’ingresso è gratuito ogni domenica pomeriggio, dalle 15:00 alle 20:00, e la prima domenica del mese per tutta la giornata, nelle giornate a porte aperte del 12, 13, 14 febbraio (Santa Eulalia) e il 24 settembre (Virgen de la Mercé); inoltre entrano gratuitamente i minori di 16 anni e i possessori della Barcelona Card. L’ingresso alla Casa Bloc costa 4 € per tutti.

Mappa: cosa vedere nelle vicinanze

Quanto hai trovato utile questo articolo?

1 stella2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle (Lascia un voto per prima/o)
Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.